cannibalismo: culture, cure, cucina e calorie

Forse nulla ispira tanto fascino e repulsione quanto il cannibalismo umano. Anche se ora è considerato uno dei più grandi tabù della società ed è spesso associato al male – pensa Hannibal Lecter ne Il silenzio degli innocenti (1991) – la storia rivela una pratica più complessa e, a sorpresa, a volte persino reverenziale.

I rituali funebri che coinvolgono il cannibalismo sono stati ben documentati. Il Fronte della Papua Nuova Guinea, per esempio, era noto per aver mangiato i corpi dei loro defunti. La pratica era vista come un segno di amore e rispetto, impedendo ai cadaveri di marcire o di essere divorati dagli insetti. Inoltre, si pensava che il rituale proteggesse il corpo da qualsiasi spirito pericoloso. I Wari dell’Amazzonia brasiliana includevano il cannibalismo nei loro riti funebri negli anni ’60, quando i missionari fecero precipitare la fine della pratica. Inoltre erano comuni riti religiosi che prevedevano il cannibalismo. Dopo aver fatto sacrifici umani agli dei, gli Aztechi avrebbero mangiato i cadaveri, che consideravano sacri.

Mangiare il corpo di un nemico era forse l’ultimo atto di vendetta. Oltre a mostrare dominazione e paura ispirante, si pensava che consumare il proprio nemico consentisse al vincitore di possedere la forza e il coraggio dei vinti. I soldati giapponesi durante la seconda guerra mondiale consumarono prigionieri di guerra, mentre i Korowai della Nuova Guinea avevano il diritto di mangiare uomini ritenuti streghe. Il leader ugandese Idi Amin, il cui regime (1971-1979) era noto per la sua brutalità, fu accusato di cannibalizzare i suoi avversari, e rispose con un condiscendente: “Non mi piace la carne umana. È troppo salato per me. “Si pensava che i Caraibi delle isole caraibiche avessero mangiato i loro nemici, e gli europei usarono affermazioni di cannibalismo per giustificare l’omicidio e la schiavitù di numerosi popoli indigeni. Sebbene la veridicità delle accuse contro i Carib sia ancora dibattuta, il termine cannibalismo deriva da una corruzione del loro nome.

Sembra che il cannibalismo medicinale sia esistito in tutto il mondo, con quasi tutte le parti del corpo che finiscono in un intruglio. Composti cinesi comprendevano organi umani, unghie e capelli, mentre, all’inizio della Grecia, si pensava che il sangue umano curasse l’epilessia. E anche mentre stavano denigrando cannibali nel Nuovo Mondo come selvaggi, gli europei stavano abitualmente consumando parti umane come trattamento medicinale. I seguaci del medico svizzero del secolo XVI Paracelsus, per esempio, cercarono di curare la dissenteria con medicine che contenevano crani umani in polvere, e nelle mummie polverizzate dell’Inghilterra del XVII secolo furono usate nelle terapie per l’epilessia e il mal di stomaco. In alcuni casi, non solo una mummia avrebbe fatto: un intruglio richiedeva il corpo di un uomo dai capelli rossi che era morto per impiccagione.

E poi c’è la cucina cannibale. (Per la cronaca, la carne umana presumibilmente è simile al sapore di carne di vitello o di maiale.) Il Batak di Sumatra avrebbe venduto carne umana nei mercati, e in Cina i piatti a base umana erano un tempo considerati un lusso. Durante la dinastia Yuan (XIII-XIV secolo), si notava che “la carne dei bambini era il miglior cibo di tutti i gusti”. Il paese riportava anche casi di bambini che tagliavano varie parti del corpo, solitamente una sezione della coscia o del braccio -utilizzare nei piatti per i loro anziani come una dimostrazione di rispetto.

Nonostante sia relativamente diffuso, anche se alcuni studiosi ritengono che molte segnalazioni di cannibalismo non siano vere, la pratica alla fine diventa tabù. Tuttavia, ci sono alcuni casi in cui è stato accettato, o almeno tollerato, e in genere questi casi hanno riguardato la sopravvivenza. Secondo uno studio recente, il corpo umano medio contiene più di 125.000 calorie, una festa per chiunque sta morendo di fame. Uno dei più famosi esempi di cannibalismo di sopravvivenza ha coinvolto il partito Donner. Nel 1846, 87 pionieri guidati da George Donner lasciarono Independence, nel Missouri, diretti in California. A dicembre sono rimasti intrappolati dalle forti nevicate nella Sierra Nevada. Di fronte alla fame, le persone ricorsero alla fine al cannibalismo. La storia divenne famosa, grazie anche a una stampa entusiasta. (Un po ‘ironicamente, nel 2010 i media hanno interpretato male uno studio e hanno suggerito che il cannibalismo non si era verificato all’interno del partito Donner.)

Un altro esempio di sopravvivenza al cannibalismo seguì un incidente aereo sulle Ande nel 1972. Dei 45 passeggeri – un numero di quelli appartenuti a una squadra di rugby uruguaiana – solo 16 sopravvissero alla prova durissima di 72 giorni, che includeva il cannibalismo, un atto alcuni di quelli salvato più tardi rispetto a prendere la santa comunione. E alla Jamestown Colony nel 1609-10 – un periodo noto come il Tempo della fame – i disperati coloni americani cannibalizzarono i loro vicini dopo aver mangiato ratti e pelle di scarpe.

Lascia un commento