Questo è un involucro: metodi di mummificazione

Le mummie sono state le antagoniste dei media basati sull’orrore da quando le società occidentali le hanno scoperte. Dobbiamo ammettere che i cadaveri prosciugati di liquidi e avvolti nella biancheria possono essere piuttosto agghiaccianti. Tuttavia, il processo stesso è molto più di un semplice avvolgimento di corpi. Comprende una comprensione scientifica avanzata della biologia umana e spesso indica convinzioni complesse che circondano l’aldilà. Molte culture che attraversano il globo erano praticanti della mummificazione e, sebbene sia in gran parte una pratica perduta, rimaniamo affascinati dalla profonda conoscenza scientifica dei popoli che l’hanno praticata.

Il metodo più riconoscibile di mummificazione viene dall’antico Egitto, risalente al 3500 aC. In questo metodo, una barra metallica fu spinta per la prima volta attraverso la cavità nasale fino al cranio. Da lì, la barra è stata manipolata in modo tale da liquefare il tessuto cerebrale, che è stato poi drenato attraverso il naso. Il resto degli organi vennero quindi rimossi e il corpo cavo fu pulito con una miscela di spezie e vino di palma. La futura mummia è stata posta in natron (sale naturale) e lasciata asciugare per 40 giorni. Dopo che la carne fu disidratata, il corpo fu avvolto in strati su strati di lino, tra i quali i sacerdoti misero degli amuleti per aiutare i nuovi defunti nell’aldilà. Un rivestimento superiore di resina è stato applicato per garantire la protezione dall’umidità, e quindi il corpo mummificato è stato collocato in una bara e sigillato in una tomba. L’estensione dell’ornamentazione, lo stile della tomba e l’attenzione prestata durante il processo di mummificazione differivano sulla base della classe sociale del defunto.

Puoi associare tutte le mummie antiche agli egiziani, ma la prima prova di imbalsamazione è stata effettivamente trovata nei resti dei popoli di Chinchorro, che risiedevano in quello che oggi è il Cile moderno. A differenza degli egiziani, che mummificavano sulla base della classe, il Chinchorro esibiva un metodo egualitario di preservazione dei morti. Ciò che è ancora più interessante è che, sebbene mummificassero duemila anni prima degli egiziani, i loro metodi erano più avanzati. L’approccio di Chinchorro alla mummificazione era lungo. Per prima cosa un corpo fu sollevato dalla sua pelle, dalla sua carne, dagli organi e dal cervello. Le ossa, ora esposte, furono quindi smontate e bruciate con cenere calda per rimuovere qualsiasi liquido che consentisse il decadimento. Sono stati quindi ricomposti con rametti per il supporto. Lo scheletro di osso-ramoscello appena formato era legato strettamente con le ance, e poi la pelle fu riapplicata al corpo, completata con la pelle di leoni marini o pellicani, come richiesto. Una pasta di cenere è stata quindi dipinta sul corpo per garantire la stabilità, e il viso è stato coperto da una maschera di argilla. Il tocco finale riguardava la vernice nera o ocra, che veniva applicata all’intero corpo appena mummificato, molto probabilmente per ragioni di conformità e uguaglianza.

Stranamente, non è necessario morire per iniziare il processo di mummificazione. Tra l’11 ° e il 19 ° secolo, una scuola di buddhismo a Yamagata, in Giappone, chiamata Shingon includeva membri che praticavano un metodo di illuminazione chiamato sokushinbutsu. Sokushinbutsu era, in termini più semplici, auto-mummificazione. I monaci, in un periodo da 3 a 10 anni, seguivano una dieta chiamata mokujikigyō, o “albero che mangia”. Durante questa dieta millenaria, i monaci mangiavano solo aghi di pino, noci, radici e germogli dagli alberi, che liberano il corpo di grasso e muscoli e ritardano la decomposizione dopo la morte. Dopo il mokujikigyō, i monaci hanno rimosso completamente il cibo dalla loro dieta e hanno bevuto solo acqua salata per 100 giorni, il che ha ridotto i loro organi e ulteriormente li ha mummificati vivi. Quando un monaco sentì avvicinarsi la morte, altri monaci lo metterebbero in una scatola di pino sul fondo di una fossa. La scatola sarebbe stata ricoperta di carbone, con un piccolo germoglio di bambù nella parte superiore per l’aria. Dopo la morte del monaco, le vie aeree della tomba furono rimosse e la scatola fu sigillata. Un migliaio di giorni dopo è stato riaperto ed esaminato per prove di decadenza fisica; se qualcuno è stato trovato, è stato eseguito un esorcismo e il corpo è stato nuovamente sepolto. Altrimenti, la mummia sarebbe stata consacrata.

Ci sono varie altre culture che hanno praticato la mummificazione al di fuori delle tre qui dettagliate, incluse le popolazioni in Africa, Ungheria e Australia, e ci sono persino culture e individui che la praticano oggi. Mentre molti di noi potrebbero vedere la mummificazione come roba da film horror, capire come e perché la gente pratica la mummificazione può aiutarci a comprendere ulteriormente le nostre pratiche di sepoltura e quelle di culture che oggi utilizzano e utilizzano ancora la mummificazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *